Se abbiamo installato Windows 7 e ci viene la nostalgia del vecchio Windows  Xp (avere nostalgia di Windows Vista è molto più improbabile), o vogliamo provare l’ultima versione di Ubuntu, ecco che ci vengono in aiuto  le  macchine virtuali.

Installare una macchina virtuale ci consente di disporre di un altro sistema operativo , completamente autonomo, all’interno del proprio sistema.  Possono essere installate anche più macchine virtuali: ad esempio su di una macchina con Windows 7 posso installare una macchina virtuale con  Windows xp,  un’altra con Linux,  un’altra ancora con  Windows 98  e così via.  E’ anche possibile su di una macchina con installato Linux  creare macchine virtuali con sistemi Windows.

Per poter ottenere questi risultati sono disponibili alcuni software: uno dei migliori, completamente gratuito, è VMware Player, che può essere utilizzato sia su sistemi Windows che Linux.

Uno dei vantaggi di disporre di una macchina virtuale è quello di poter testare in un ambiente completamente asettico, programmi che potrebbero presentare qualche potenziale pericolo di infezione: infatti in caso di attacco di un virus sarà sufficiente eliminare la macchina virtuale e reinstallarla, senza alcun danno al nostro sistema operativo principale.   Un altro vantaggio è quello di poter far girare programmi che non sono compatibili con il nostro sistema operativo principale, oltre naturalmente quello di poter provare e sperimentare differenti sistemi operativi ed ambienti di lavoro, pur disponendo di un solo pc.

Quando creiamo una macchina virtuale possiamo decidere anche  quali connessioni attivare: connessioni di rete, porte usb ecc..   Possiamo inoltre decidere se rendere disponibili all’interno della macchina virtuale i contenuti del nostro disco rigido esterni alla macchina virtuale stessa.   Quando creiamo un ambiente virtuale decidiamo anche quanto spazio assegnare al disco rigido al suo interno.

Nella struttura del nostro hard disk, una macchina virtuale creata con VMware  Player è costituita da una cartella, alla quale possiamo assegnare il percorso che vogliamo.

In Wmvare Player possiamo successivamente installare alcune utilities (VMware Tools), sia per Windows che per Linux , che rendono più fluido e più veloce il funzionamento della macchina stessa.

Il software gratuito in inglese è disponibile per il download a questo indirizzo, sia per sistemi Windows che Linux, sia a 32 che a 64 bit.

Lascia un commento con Facebook:

commento/i

TAGS: , , , ,

0 Commenti

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento


Immagine CAPTCHA
*